eSports scommesse: confermata la terza stagione di ePremier League

eSportsChe nel mondo eSports scommesse il calcio giochi un ruolo sempre più importante non è cosa nuova, così come non sorprende il fatto che sempre più investitori, appassionati e sponsor abbiano aperto gli occhi su questo genere di business. Dunque, la notizia secondo cui Premier League, Electronic Arts e FIFA hanno annunciato la terza stagione di ePremier League non ha stupito i bene informati.

Il torneo – si legge nel comunicato stampa – prenderà il via ufficialmente solo a gennaio del prossimo anno, con la partecipazione di 20 squadre che si daranno battaglia sul campo da gioco per poter raggiungere la fase a eliminazione diretta, i playoff, e quindi le fasi finali della primavera. Anche se le date non sono ancora state rese disponibili, tutto lascia intendere che le prime parte della Premier league elettronica, con la loro ventata di eSports scommesse collegate, possa trovare sbocco già nei primi giorni del nuovo anno.

Ma, a proposito di scommesse per gli eSports, che cosa ci dicono i bene informati?

Gli occhi sono evidentemente puntati sul Watford, campione della scorsa stagione (curiosamente, contrariamente a quanto avvenuto nel mondo “reale”, con la retrocessione in Championship dopo cinque anni di Premier League), che ha avuto la meglio sul Bournemouth. Anche se numerosi sembrano essere gli indiziati per scalzare i finalisti dell’ultimo anno dal loro trono, Tom Leese (Watford) e Marc Marley (Bournemouth) sembrano essere ancora più agguerriti.

Tra le altre notizie in relazione all’ePremier League, è stato già confermato che – come avvenuto la scorsa stagione – la fase finale della competizione verrà trasmessa da Sky Sports, dando così evidente cassa di risonanza al gioco virtuale.

Le competizioni saranno inoltre aperte a tutti i giocatori del Regno Unito che hanno compiuto almeno 16 anni, e potranno essere giocate su tutte le console di nuova generazione, sia PlayStation (Sony) che Xbox (Microsoft). Per quanto poi concerne i premi, sono in palio un trofeo, il titolo di campione e – soprattutto – un assegno del valore di 40 mila sterline, a cui va aggiunta la possibilità di qualificarsi per i playoff europei delle EA Sports FIFA 21 Global Series.

Non ci sono invece ancora novità sulla ePremier League Invitational, il contesto che nel mese di maggio permise a celebrità e giocatori professionistici di potersi dar battaglia su FIFA 20 in un torneo ufficiale organizzato proprio dalla ePremier League. Allora, a vincere, fu il centrocampista del Leicester James Maddison, che dimostrò di avere la giusta dimestichezza sia nel rettangolo da gioco reale, che in quello digitale.

Al di là degli aspetti più tecnici che potrebbero essere condivisi nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, sembra proprio che il grande successo ottenuto dalle iniziative della ePremier League nell’anno che si sta accingendo a conclusione sia stato talmente forte da aver convinto gli organizzatori a bissare le competizioni.

Non ci resta dunque che attendere ulteriori dettagli sull’ePremier League, nella certezza che sarà in grado di attirare il consueto numero (crescente) di spettatori e di interessati.